Star Wars L’Alta Repubblica: Non C’è Paura – Recensione

L'opera è straordinaria, c'è azione, suspense, Jedi, spade laser, ma anche meditazione, riflessione, riscopriamo la Forza e le sue vie nella più divertente e coinvolgente che ci sia. Disegni di alto livello e una trama che ci porta a voler sempre di più!

Il progetto L’Alta Repubblica è arrivato come una ventata fresca per il canone di Star Wars. Dopo la trilogia Sequel Lucasfilm non aveva più esplorato altre epoche della Galassia, ma finalmente è arrivata la svolta. Ci ritroviamo 200 anni prima Star Wars: La Minaccia Fantasma, siamo in un’epoca d’oro per i Cavalieri Jedi. In L’Alta Repubblica: Non C’è Paura, volume che racchiude i primi cinque spillati della serie regolare, scopriamo che persino in un periodo di pace, la Galassia corre un serio pericolo.

TRAMA

Scritto da Cavan Scott, disegni di Ario Anindito e colori di Annalisa Leoni il volume è ambientato dopo il romanzo La Luce dei Jedi e segue le vicende affrontate da Keeve Trennis, insieme ad altri Jedi come il Maestro Sskeer e Avar Kriss. Dopo l’inaugurazione del Faro Starlight, nell’Orlo Esterno, alcuni eventi portarono alla scoperta degli spaventosi Drengir, già presentati in Nell’Oscurità.

I PERSONAGGI

I protagonisti di quest’opera sono la vera anima del prodotto, vengono presentati in maniera unica e ben distinta. In questo modo, non c’è l’effettivo bisogno di aver letto altre opere dell’Alta Repubblica per quanto riguarda i personaggi conosciuti prima. Invece i nuovi arrivi come i Jedi Keeve Trennis, Terec e Ceret sono perfettamente bilanciati alla storia in corso.

Star Wars L'Alta Repubblica

Keeve Trennis è soltanto una Padawan, ma ha già un gran potenziale così come un grandissimo cuore. E’ divertente e ha bel senso dell’umorismo, ma è anche precisamente attenta a tutto ciò che le circonda. Il suo percorso pare essere uno dei più interessanti all’interno dell’Alta Repubblica e potrebbe avere risvolti anche nel futuro della saga.

Star Wars L'Alta Repubblica
Keeve Trennis

I Maestri Sskeer e Avar Kriss diventano fondamentali in queste vicende e abbiamo quindi la possibilità di ampliare la nostra conoscenza di questi due eroi. Sskeer, però, si sta comportando in maniera particolarmente strana, è molto silenzioso e ha commesso azioni non molto ortodosse per un Jedi. Che gli starà capitando? Avar, invece, è sempre splendida e saggia. Il canto della Forza la guida e ci dà incredibili scene d’azione.

Star Wars L'Alta Repubblica

Un’altra novità di Star Wars che vediamo nell’Alta Repubblica sono Terec e Ceret, due Jedi gemelli che condividono la stessa mente, per questo finiscono spesso per completare le proprie frasi, soffrire insieme e comunicare tra di loro. Inoltre, sono personaggi transessuali non-binary e per tale ragione è stato introdotto un linguaggio inclusivo, mantenuto anche da Panini Comics Italia.

L’ORDINE JEDI

I Guardiani della Pace in questo volume appaiono un po’ diversi da ciò che abbiamo visto nella saga cinematografica. Sono meno rigidi, c’è più spazio al dialogo e alle domande, inoltre, paiono più sicuri di sé senza reputarsi al di sopra degli altri. Sono quello che l’Ordine ha sempre dovuto essere. Questo aspetto rende ancora più credibile il crollo dei Jedi durante la trilogia Prequel, permettendo anche di conoscere abilità che nel presente della saga non esistono più o sono estremamente rare.

RIFERIMENTI AD ALTRE OPERE

Troviamo tanti riferimenti ad oltre opere di Star Wars, in modo particolare ai romanzi che hanno preceduto questo volume, mostrando così la vera essenza del canone e una continuity che tanto piace ai fan. Ho apprezzato moltissimo le tavole in cui vediamo Sskeer durante la battaglia finale di La Luce dei Jedi, oppure quella in cui riassume il risveglio de Drengir in Nell’Oscurità, o vedere finalmente a fumetti i personaggi protagonista di Una Prova di Coraggio, ovvero Vernestra Rwoh e Imri Cantaros

DISEGNI

I disegni Ario Anindito sono ben definiti e ricchi di dettagli. Le battaglie sono ben rappresentate, i paesaggi sono molto vivaci, grazie anche ai colori di Annalisa Leoni e i toni sul verde rendono il fumetto drammatico nei giusti punti. Anindito e Leoni sono una combinazione perfetta, la mia preferita tra tutti i comics di Star Wars!

EDIZIONE

L’Alta Repubblica: Non C’è Paura è un volume in cartonato, diversamente dagli altri fumetti di Star Wars che sono invece brossurati, proprio per distinguere questa nuova era. Al suo interno troviamo anche alcune concept art dei protagonisti e del Faro Starlight.

IN CONCLUSIONE

L’opera è straordinaria, c’è azione, suspense, Jedi, spade laser, ma anche meditazione, riflessione, riscopriamo la Forza e le sue vie nella più divertente e coinvolgente che ci sia. Disegni di alto livello e una trama che ci porta a voler sempre di più, attendo con impazienza il secondo volume di questa serie!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui